Archivi
Sfoglia tutte le informazioni del sito
Intranet
Per tutte le comunicazioni aziendali
Webmail
Consulta la posta on-line
Progetti di conciliazione della vita familiare e professionale

Progetti di conciliazione della vita familiare e professionale

Decisi finanziamenti per progetti integrati a sostegno della conciliazione tra tempi di vita e tempi di lavoro. Gli interventi saranno gestiti dalle province

Mercoledi 03 Agosto 2011
Condividi con:
Condividi su Delicious Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Diggita Condividi su Technorati Condividi su My Space Condividi su Digg Condividi su Google Bookmarks Invia a un amico Stampa Ti piace
321
Non ti piace
209

L’Assessorato dell’Igiene e sanità e dell’assistenza sociale ha approvato l’avviso pubblico "Conciliando" che prevede l’erogazione di finanziamenti agli assessorati provinciali per le politiche per il lavoro destinati alla realizzazione, tramite i centri servizi per il lavoro (CSL), di progetti integrati che favoriscano la conciliazione della vita familiare con la vita professionale.

I progetti dovranno privilegiare strategie volte sia a favorire l’ingresso, il reingresso e la
permanenza nel mercato del lavoro dei beneficiari che a realizzare una maggiore integrazione ed articolazione degli interventi di conciliazione presenti sul territorio.

I 4 milioni di euro disponibili, provenienti dal Fondo sociale europeo 2007-2013, dovranno essere utilizzati dalle province per l’erogazione di voucher per l’accesso ai servizi di cura ed assistenza alla persona previsti dai progetti finanziati, destinati a uomini e donne, anche immigrati residenti in Sardegna da almeno 5 anni, che:

- siano dipendenti con contratti atipici o a tempo determinato oppure siano inoccupati o disoccupati iscritti ai CSL che frequentino o debbano avviare, entro due mesi dalla pubblicazione dell’avviso "Conciliando", un percorso formativo, un tirocinio formativo e di orientamento o un percorso di politica attiva del lavoro concordato con il competente CSL;
- abbiano responsabilità di cura nei confronti di un parente o affine fino al terzo grado, domiciliato presso la propria abitazione, che sia un minore (fino a 14 anni, anche adottato o affidato convivente), un anziano non autosufficiente o una persona con disabilità riconosciuta e con indennità di accompagnamento;

- abbiano raggiunto nel 2010 un reddito familiare non superiore a 25 mila euro, calcolato con il metodo dell’Indicatore di situazione economica equivalente (Isee).

Le province dovranno presentare i progetti, in formato cartaceo e su supporto informatico, entro le ore 13 del 30 agosto 2011, al seguente indirizzo:

Assessorato dell’Igiene e della sanità e dell’assistenza sociale
Direzione generale delle politiche sociali
Servizio attuazione politiche comunitarie, nazionali, regionali
via Roma, 253
09123 Cagliari

Le persone in possesso dei requisiti sopra elencati dovranno, invece, presentare la richiesta di assegnazione del voucher al competente Assessorato provinciale delle Politiche per il lavoro – Centro servizi per il lavoro secondo le modalità e i termini indicati nell’avviso che la Provincia pubblicherà entro 30 giorni dall’approvazione del progetto da parte della Regione.

Consulta i documenti